fbpx
Skip to main content
INFO SCUOLE  02 49543500
Nuovo

L'ultima volta che siamo stati bambini

Regia di Claudio Bisio
Genere Drammatico (età minima consigliata: +8 anni)  |  Anno 2023  |  Durata 90 min.

ADATTO A
Primarie Medie Superiori
TEMATICA
Amicizia, Antisemitismo, Guerra, Olocausto, Razzismo, Storia

Materiali didattici

Scheda linguaggio

Non disponibile

Risorse libere

Pressbook

Dal blog di Keaton

--

Sinossi

La missione di tre bambini durante la seconda guerra mondiale.
L'esordio alla regia di Claudio Bisio appartiene alla categoria di quelli che non si dimenticano.

Roma, estate 1943.

Quattro bambini giocano alla guerra mentre attorno esplodono le bombe della guerra vera. Italo è il ricco figlio del Federale, Cosimo ha il papà al confino e una fame atavica, Vanda è orfana e credente, Riccardo viene da un’agiata famiglia ebrea. Sono diversi ma non lo sanno e tra loro nasce “la più grande amicizia del mondo”, impermeabile alle divisioni della Storia che insanguina l’Europa.

Per loro tutto è gioco, combattono in cortile una fantasiosa guerra fatta di missioni avventurose ed eroismi, poi però fanno patti “di sputo” e non “di sangue” per paura di tagliarsi.

Ma il 16 ottobre il ragazzino ebreo viene portato via dai tedeschi insieme ad oltre mille persone del Ghetto. Grazie al padre Federale di Italo, i tre amici credono di sapere dov’è e, per onorare il “patto di sputo”, decidono di partire in segreto per convincere i tedeschi a liberare il loro amico. L’ennesima missione fantasiosa entra nella realtà, i tre bambini viaggiano soli in un’Italia stremata dalla guerra, fra soldati allo sbando, disertori, truppe di tedeschi occupanti, popolazioni provate e affamate.

I tre bambini non sono del tutto soli, due adulti partono a cercarli per riportarli a casa: Agnese, suora dell’orfanotrofio in cui vive Vanda, e Vittorio, fratello di Italo. Lei cristianamente odia la violenza e lui è un eroe di guerra fascista: sono diversi e, al contrario dei bambini, lo sanno benissimo infatti litigano tutto il tempo.

Il doppio viaggio dei bambini e degli adulti nell’Italia lacerata dalla guerra sarà gioco e terrore, poesia fanciullesca e privazioni, scoperta della vita e rischi di morte: un’esperienza capace di imprimere il suo sigillo su tutti i personaggi coinvolti, cambiando la coscienza dei singoli e le loro relazioni. Fino al sorprendente ma in fondo purtroppo logico, finale.

"Caro Claudio ho molto apprezzato il tuo film perché hai saputo rendere la freschezza e l’innocenza dei bambini con un tratto talmente sensibile da offuscare la tragedia che c’è sullo sfondo.
Un abbraccio Liliana."

Dichiarazione della senatrice Liliana Segre in merito alla visione del film

 

Guarda il trailer

Alcune immagini del film

LVCSSB 01
LVCSSB 02
LVCSSB 03
LVCSSB 04
LVCSSB 05
LVCSSB 06
LVCSSB 07
LVCSSB 08
LVCSSB 09

La visione di questo film è consigliata in occasione delle seguenti ricorrenze:

 

Organizza una proiezione per i tuoi studenti nella tua città
Oppure aggrega i tuoi studenti a una proiezione già organizzata:

Proiezioni già organizzate

Data Cinema Posti disponibili
Giovedì, 21 Marzo 2024
ore 09:00
NUOVO EDEN
BRESCIA (BS)
Posti liberi
105
Unisci il tuo gruppo
Giovedì, 21 Marzo 2024
ore 10:00
MULTISALA STUDIO CAPITOL
BERGAMO (BG)
Posti liberi
67
Unisci il tuo gruppo